Quando non conviene realizzare un sito di commercio elettronico?

 
Realizzazione siti web - Costo siti internet - Siti web offerta - Creare sito web

timthumb (1)

Ogni tanto mi contattano degli utenti che vogliono sapere qual’è il costo per la realizzazione di un sito web, sinceramente i miei sono prezzi accessibili ma nonostante questo ci sono clienti che preferiscono acquistare siti web più costosi e così le web agency se ne approfittano dato che si trova sempre il pollo di turno. Certo che ci sono molti utenti strani, ci sono quelli che invece dopo aver fatto realizzare un sito web si rivolgono a me per rifarlo perchè non sono soddisfatti del lavoro precedente. Dato che faccio attività di blogging la gente vede i miei siti come una spallasu cui piangere, ad esempio c’è stato qualcuno che si è lamentato per aver speso 20.000€, spesa non giustificata dato che si trattava di lavori che si potevano fare a prezzi molto più bassi, sembra che alcune web agency sono come le famose cartomanti che stavano a fottere soldi dove capitava. Indipendentemente dal valore di un servizio offerto da una web agency, alcuni lavori o servizi hanno un costo proibitivo, infatti non c’è da meravigliarvi quando si è di fronte ad un preventivo da 30.000€ o superiore. Alcuni che hanno scelto altre web agency alla mia hanno detto: mi sono rivolto a quella famosa web agency ed anche se il costo è più alto mi affido ai migliori professionisti. Siete davvero convinti che in questo modo si recupera la spesa di investimento? Per prima cosa vi dico che per incrementare le vendite con il proprio sito di commercio elettronico non basta rivolgersi ai più noti esperti seo, inoltre chi stabilisce che i miei servizi sono inferiori? il prezzo più basso? c’è gente che gioca psicologicamente sui prezzi, intanto molta gente che ha creduto in questi esperti seo ha sborsato inutilmente i propri soldi.

Qualcuno mi ha detto: “ma la web agency ha fatto il suo lavoro e ha posizionato il sito web come stabilito”, certo l’avrei fatto anche io ma ad un prezzo diverso, resta il fatto che il sito non vende. E’ la verità, non basta posizionare un sito in prima pagina per un paio di parole chiave per raggiungere il successo, solo il 5% di chi ha un sito di commercio elettronico è in grado di guadagnare qualcosa. Ci sono anche gli utenti che dicono: “il mio amico ha un sito ecommerce è guadagna”, si ci credo ma sono solo eccezioni, ci sono tante varianti da prendere in considerazione, il prezzo, il mercato in cui si adopera, il posizionamento, ecc. Che dire di quella povera gente che ha buttato tutti i propri risparmi perchè credeva nell’ecommerce? purtroppo in rete se ne parla poco ma la gente che ha buttato cifre enormi c’è! come ci sono le web agency che se ne approfittano dei clienti polli. Ricordate che un esperto in seo, sem o webmarketing fa il suo lavoro per guadagnare ma non può mai garantire il successo altrimenti si butterebbe nel commercio per se stesso. Intanto anche se posso essere contraddittorio per fare commercio elettronico non bisogna improvvisarsi, una figura con un ampia conoscenza del web sicuramente è di gran aiuto ma solitamente se la può permettere un’azienda che non ha problemi ad investire una parte del capitale per la promozione sul web.

Recentemente sono stato contattato da un’agenzia matrimoniale che spende mensilmente 5000€ per la promozione sul web, soldi a mio parere investiti male, sapete perchè? Analizzando il loro sito ho scoperto che in media non ha più di 50 visite al giorno, i famosi 5000€ vengono dati mensilmente ad una web agency che si occupa della campagna google adwords rilasciando di tanto in tanto dei report in formato pdf, in pratica l’agenzia matrimoniale non ha accesso ai dati di adwords e di analytics quindi gestisce i soldi come gli pare, magari 2000€ li spende per adwords e gli altri seli mette in tasca, chissà se poi i report non sono truccati. Giustificate tale spesa per solo 50 visite al giorno? Non c’è da spaventarsi se ci sono aziende che hanno speso anche 200.000€ per i servizi web che si sono rivelati un flop.

Quali problemi riscontra principalmente chi ha un negozio di commercio elettronico?

- la web agency aveva garantito un posizionamento in prima pagina ma così non è stato
- in 12 mesi sono state fatte meno di 10 vendite
- ogni volta che si chiede un consiglio ad una web agency viene detto sempre che bisogna rifare il sito da zero
- i risultati non coincidono con quelle che erano le spettative
- il sito web è stato portato in prima pagina ma non vende comunque nulla
- le attività di email marketing, adwords, sem e seo non hanno portato dei benefici accettabili
- alcuni consigliano magento, altri prestashop e altri joomla ma non si riesce a guadagnare in ogni caso
- ebay fa guadagnare qualcosa ma per non pagare le tasse si apre un ecommerce che invece non vende nulla
- il sito ecommerce ha dei prezzi più bassi rispetto alla concorrenza ma vende molto meno
- gli utenti si registrano ma non comprano
- il sito è visitato ma vende poco

Risposte agli utenti in cerca di consigli per fare commercio elettronico:

Domanda: Ho un sito dove vendo articoli da sexy shop tramite Google Adwords totalizzando 200 visite giornaliere ma la media delle vendite è di una ogni 500 visite, sa spiegarmi perchè?

Risposta: se in media spendi 1€ a clic, 500 clic ti costano 500€, quindi se quella vendità non è accettabile per fare un guadagno direi prima di valutare le parole chiave usate con le rispettive pagine di atterraggio, se non cambia nulla direi di abbandonare adwords. I sexy shop online che funzionano riescono a guadagnare anche senza avviare una campagna adwords. Anche se non tutti lo dicono chiaramente, adwords non in tutti casi può essere vantaggioso.

Domanda: Il mio sito per diversi anni è stato sempre nelle prime pagine dei motori di ricerca, ora improvvisamente è sparito, come mai?

Risposta: se il tuo sito è stato diciamo “ottimizzato” forse sarà stato penalizzato da google penguin perchè google non ama i siti sovraottimizzati, inoltre spero che non ci siano dei contenuti già presenti in altri siti altrimenti credo che sia stato penalizzato da google penguin. Ottimizzare un sito vuol dire cercare di rendere il più naturale possibile l’ottimizzazione, quando un webmaster cerca di forzare il posizionamento google lo sculaccia.

Domanda: ho chiuso il mio negozio di commercio elettronico per vendere online ma nonostante ci sono meno spese, di guadagni non vedo neanche l’ombra, cosa posso fare?

Risposta: se il sito non ottiene un buon traffico dai motori di ricerca, nal caso in cui ci sono dei buoni margini di guadagno dalle vendite credo che possa essere una buona idea avviare una campagna adwordso rivolgersi a qualche webmaster esperto del web (seo, sem, webmarketing), solitamente agli ecommerce che lavorano con bassi margini di guadagno consiglio di chiudere.

Intanto vi dico di stare attenti a molte web agency che fanno promesse che non riescono a mantenere dato che nessuno può garantire in assoluto il posizionamento su google, quindi non date soldi se non prima ci sono i fatti. Tanta gente che ha perso il lavoro pur di sperare in qualcosa di innovativo si è buttata nell’ecommerce con intorno gli avvoltoi webmaster. Nei settori molto competitivi è difficile ottenere dei buoni risultati e una web agency onesta dovrebbe dire la verità al cliente, inoltre più è alto il numero di pagine concorrenti e più sarà un impresa posizionare il sito nelle prime pagine, indipendentemente dal fatto che si tratta della migliore web agency del mondo, vi faccio un esempio: contattate la migliore web agency che conoscete e chiedetegli di posizionare un sito per una delle parole chiave molto competitive come: “hotel”, “lastminute” o “bed and breakfast”, dite che riuscirà? sono pronto a fare scommesse con voi, volete giocarvi 10.000€ con me? sono talmente sicuro di quello che dico che sono pronto a scommettere seriamente, anche perchè dato che mi ritengo un bravo esperto seo, altrimenti sarei riuscito anch’io! Conosco il web talmente bene che so quali sono i limiti della seo.

Domanda: ho un ecommerce dove vendo robe sportive, per qualche anno sono riuscito a guadagnare qualcosa ma da quando ho fatto modificare lo stile grafico del sito improvvisamente le visite sono calate drasticamente, sa dirmi qualcosa in merito?

Risposta: io non so cosa è stato fatto precisamente sul sito ma se il webmaster ha cambiato le url dovresti tagliargli le mani perchè in quel caso per i motori di ricerca il sito il sito avrebbe nuove pagine anche se i contenuti sono sempre gli stessi e l’anzianità delle pagine così come l’anzianità del nome del dominio sono fattori importanti per il posizionamento. Inoltre modificando il sito forse sono state cambiati i testi in alcune pagine modificando la densità di alcune parole chiave.

Domanda: Ho chiuso un enoteca per vendere il vino online attraverso un sito web ma le vendite sono state meno di 10 in 3 mesi, cosa posso fare?

Risposta: in rete ci sono tanti siti che vendono il vino senza fare dei buoni guadagni, le vendite sono poche.

Domanda: Il mio sito di commercio elettronico è stato creato con joomla ma non viene visitato, un amico esperto mi ha detto che dovrei usare un cms come prestashop o magento, in questo modo potrei ottenere dei benefici?.

Risposta: I cms che mi hai citato sono tutti buoni, chi più e chi meno ma in ogni modo non cambierebbe la situazione, questo perchè non è il cms a fare la differenza ma tutti i fattori esterni come: le condiviisoni nei social network, i backlink, la popolarità del sito, ecc., mentre tra i fattori interni direi di puntare su dei contenuti di qualità.

Domanda: da un pò di giorni cerco notizie su forum e blog su come ottimizzare un sito di commercio elettronico ma trovo troppi pareri contrastanti, alcuni consigliano un cms come prestashop o magento, altri consigliano di creare il sito da zero, altri ancora consigliano di fare email marketing ed ancora altri consigliano di avviare una campagna adwords, sinceramente da dove devo iniziare?

Risposta: ottimizzare un sito ecommerce non è assolutamente facile, bisogna ottimizzare tante cose per far eun buon lavoro, tra queste: i contenuti che come dicevo sopra devono essere non solo utili per gli utenti ma anche originali, quindi al posto di ricopiare le descrizioni dei prodotti presenti nel sito del distributore bisogna creare dei contenuti propri o almeno modificare quelli del distributore in modo da renderli originali, inoltre anche se si riesce ad ottenere una buona visibilità alcune nicchie di mercato sono davvero povere che non vale la pena fare commercio elettronico.

Domanda: Ho un sito di commercio elettronico tradotto in 6 lingue, voglio vendere l’olio d’oliva extravergine in varie parti del mondo ma nonostante abbia pensato in grande questo progetto nel giro di un anno non ho venduto nulla, totalizzando solo 200 visitatori, dove sbaglio? 

Risposta: la parola “olio d’oliva extravergine” restituisce su google circa 10 milioni di risultati concorrenti solo in italia, figurati nel mondo, questo rende molto difficile riuscire a posizionare il sito in prima pagina e per un progetto così ambizioso i costi del posizionamento sarebbero molto alti, magari consiglio di provare con google adwords.

Domanda: ciao ho un sito di commercio elettronico per la vendita del vino pugliese, si tratta di un vino molto buono ma in media non faccio più di 3 vendite l’anno, puoi aiutarmi?

Risposta: dato che si tratta di vino locale potresti provare a far posizionare il sito per parole chiave come “vino pugliese”, “vino della puglia”, ecc. in questo modo la concorrenza si riduce e di conseguenza le web agency faranno dei prezzi inferiori per il posizionamento nei motori di ricerca.

Domanda: salve un webmaster mi ha creato un sito web in modo da proporre i miei servizi, sono una escort spero che non sia critico nei miei confronti, ho speso un bel pò di soldi per fare un book fotografico sexy ma nel sito ci entrano solo i clienti che mi conoscono, per aumentare le visite dovrei rivolgermi ad un esperto seo? 

Risposta: ciao sono lieto di conoscerci, purtroppo nel tuo settore c’è una concorrenza davvero enorme, lascia stare le attività seo e prova ad avviare una campagna adwords, anzi so che ci sono dei portali come bakeca, bacheka, annunci-incontri, ecc. dove è possibile inserire a pagamento degli annunci in vetrina in modo da ottenere una ottima visibilità, credo che quei siti possono rendere molto di più di una campagna adwords.

Domanda: salve io sono contrario con quello che dici perchè sono riuscito a posizionare il mio sito di commercio elettronico senza l’aiuto di esperti seo, come mai il mio sito è sempre in prima pagina su google? 

Risposta: non mi ha detto per quali parole il sito si trova in prima pagina ma se si tratta di parole come “lezioni di nuoto per lucertole africane” tutti siamo in grado di ottenere risultati simili.

Related posts:

Vari modi per creare e promuovere il proprio sito web
Quanto costa realizzare un sito web? Ecco alcuni esempi di preventivi
Quali sono i siti internet che vendono / rendono?
Come creare un sito di successo
Francesco Greco, un lupo solitario ignorato dai migliori esperti seo italiani
Come fare un sito Internet
Spazio Web gratis
Realizzazione siti web Taranto, Brindisi, Lecce, Bari, Foggia (Puglia)

Comments are Closed